Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Calcio

Delusione Benevento: la Carrarese strappa il pari al “Vigorito” e vola in finale

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Fa festa la Carrarese. La squadra di Calabro esce indenne dal “Vigorito” e stacca il pass per la finale che metterà in palio l’ultimo posto per la B. Due volte in vantaggio, due volte ripresi i giallorossi. Si rivela decisiva, alla fine, l’espulsione rimediata sul finale del primo tempo da Talia. E pensare che era stato proprio il giovane centrocampista a rimettere il match sui binari giusti.

Le scelte. Auteri questa volta sorprende e cambia modulo, optando per il 4-3-3. In difesa c’è Meccariello dal primo minuto con Capellini al suo fianco e Berra e Viscardi terzini. A centrocampo spazio a Talia e ai due rientranti dalla squalifica Nardi e Pinato. L’attacco, invece, non cambia: Ciciretti-Perlingieri-Lanini. Dall’altra parte 3-4-2-1 confermato per Calabro: Bleve in porta, Illanes, Di Gennaro e Imperiale pacchetto arretrato, Zanon e Cicconi esterni con Schiavi e Zuelli a centrocampo, Palmieri e Panico rifinitori alle spalle di Finotto unico terminale offensivo.

Spettacolo sulle curve e gara che inizia con qualche minuto di ritardo per la nebbia dei fumogeni. Poi è subito la Carrarese a farsi viva con una conclusione dalla distanza di Panico controllata agevolmente da Paleari. La risposta della Strega è in un cross pericoloso di Pinato sul quale Perlingieri arriva con un attimo di ritardo. All’11 Lanini scambia con Pinato e si ritrova a calciare in area: blocca Bleve ma il “Vigorito” gradisce. Preme la squadra di Auteri e al 17’ la gara si sblocca: corner dalla sinistra di Ciciretti, Lanini incorna e piega la resistenza di Bleve. Neanche il tempo di esultare, però, è la Carrarese pareggia: Meccariello sbaglia il rinvio e i toscani verticalizzano subito per Finotto che a tu per tu con Paleari non sbaglia. I sanniti accusano il colpo e ci mettono un po’ per tornare a farsi vivi nell’area avversaria. Quando succede, però, la rete ospite si gonfia. Al termine di un’azione insistita è Talia a pescare il jolly da fuori con un destro che Bleve può solo ammirare. Ancora una volta, però, la festa dura poco. Proprio Talia, già ammonito, commette un fallo ingenuo e lascia la Strega in dieci. 

Come prevedibile negli spogliatoi Auteri ridisegna il Benevento chiamando fuori Perlingieri e buttando in campo Simonetti, poi sarà Improta a sostituire Ciciretti: si passa al 4-4-1. Prevedibile, a questo punto, il copione della gara con la Carrarese a far possesso e a cercare pericoli e il Benevento a tentare di evitarli. E ci riesce fino al 65’ quando Cicconi si inventa una punizione magistrale dai 30 metri: palla nel sette e “Vigorito” gelato. Serve di nuovo un gol alla Strega e Auteri si gioca la carta Bolsius. La fortuna, però, non sorride ai giallorossi che per due volte sfiorano la terza rete: prima il palo ferma il bolide di Improta, poi termina di un soffio a lato il colpo di testa di Capellini. Entra anche Marotta per un claudicante Lanini. Ci prova, il Benevento a gettarsi in avanti, lasciando agli ospiti più occasioni per chiudere il match. Poco male, per i toscani, perché il risultato non cambierà più.

Benevento-Carrarese: 2-2

Benevento (4-3-3): Paleari; Berra, Meccariello, Capellini, Viscardi (67’ Bolsius); Pinato (68’ Agazzi), Talia, Nardi; Ciciretti (59’ Improta), Perlingieri (46’ Simonetti), Lanini (76’ Marotta). 

A disposizione: Manfredini, Giangregorio, Rillo, Benedetti, Terranova, Improta, Agazzi, Kubica, Karic, Rossi, Simonetti, Carfora, Ferrante, Marotta, Starita. 

Allenatore: Gaetano Auteri

Carrarese (3-4-2-1): Bleve; Coppolaro (85’ Illanes), Di Gennaro, Imperiale; Zanon (53’ Della Latta), Schiavi, Capezzi (54’ Belloni), Cicconi; Palmieri (73’ Morisini), Panico (85’ Zuellk); Finotto. 

A disposizione: Mazzini, Tampucci, Illanes, Di Matteo, Belloni, Boli, Cerretelli, Grassini, Zuelli, Della Latta, Capello, Morisini, Giannetti. 

Allenatore: Antonio Calabro

Arbitro: Roberto Lovison di Padova

Assistenti: Alessandro Parisi di Bari e Nicola Morea di Molfetta; IV Ufficiale: Dario Madonia di Palermo; Var: Daniele Paterna di Teramo; Avar: Matteo Gariglio di Pinerolo.

Ammoniti: 24’ Talia, 36’ Ciciretti, 49’ Zanon, 77’ Meccariello

Espulsi: 44’ Talia per doppia ammonizione

Marcatori: 17’ Lanini, 19’ Finotto, 35’ Talia, 65’ Cicconi

Annuncio
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Correlati

redazione 10 ore fa

Kubica verso la cessione al KS Cracovia: dai polacchi una buona offerta al Benevento

redazione 1 giorno fa

Il Bari su Ciano: Moreno Longo con Maiello vuole riformare l’ossatura vincente del Frosinone 

redazione 2 giorni fa

Il Benevento alza il muro per i suoi gioielli: Monza su Perlingieri, Sassuolo su Capellini

redazione 3 giorni fa

Strega, la prossima settimana via al totale rifacimento del manto in sintetico del campo Avellola

Dall'autore

redazione 4 ore fa

Grande prestazione di Luigi Tedesco: Kronos Triathlon Team sul podio ai campionati italiani

redazione 10 ore fa

Kubica verso la cessione al KS Cracovia: dai polacchi una buona offerta al Benevento

redazione 1 giorno fa

Calcio a 5, serie C2: il Calvi riparte dal gruppo storico prima di annunciare i nuovi acquisti

redazione 1 giorno fa

Il Bari su Ciano: Moreno Longo con Maiello vuole riformare l’ossatura vincente del Frosinone 

Primo piano

redazione 4 ore fa

Grande prestazione di Luigi Tedesco: Kronos Triathlon Team sul podio ai campionati italiani

redazione 10 ore fa

Kubica verso la cessione al KS Cracovia: dai polacchi una buona offerta al Benevento

redazione 1 giorno fa

Calcio a 5, serie C2: il Calvi riparte dal gruppo storico prima di annunciare i nuovi acquisti

redazione 1 giorno fa

Il Bari su Ciano: Moreno Longo con Maiello vuole riformare l’ossatura vincente del Frosinone 

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content